Le proteste di Papillon

 

Le proteste di Papillon

 

Liberazione, 26 ottobre 2003

 

La mattina di venerdý 24, un piccolo spazio dei due cortei sindacali di Roma era occupato da alcuni striscioni all'apparenza un po' "anomali" per delle manifestazioni popolari. Erano striscioni della Papillon, la pi¨ grande associazione di detenuti esistente in Italia, e ribadivano concetti semplici ma di particolare valore: "I tagli alla finanziaria tagliano anche le possibilitÓ di cura per i detenuti malati"; "Chiediamo il pieno rispetto della Legge Gozzini in tutti i Tribunali di Sorveglianza"; "Riconoscere per Legge il diritto dei detenuti di associarsi e di lottare"; "Vogliamo una Legge nazionale che garantisca anche per gli ex detenuti la possibilitÓ di lavorare".

La presenza di quegli striscioni arrivava al termine di una settimana di proteste pacifiche che hanno interessato circa 44 carceri ed era il segno di un altro piccolo passo in avanti verso l'obiettivo di costruire una "internitÓ" della protesta dei detenuti a quel grande fiume di soggetti sociali che si Ŕ rimesso in cammino negli ultimi due anni. Questa settimana di agitazione Ŕ risultata tanto pi¨ necessaria in quanto ha segnato uno stop almeno temporaneo alla delusione e alla regressione innescata nelle carceri dall'approvazione del cosiddetto indultino. Del resto anche il progressivo svuotamento del cosiddetto indultino andava interpretato come una "risultante" dei rapporti di forza stabilitisi nel corso della battaglia di civiltÓ da noi iniziata nel settembre del 2002. Ragion per cui l'unica possibilitÓ di riavviare un reale processo riformatore del nostro arcaico sistema penitenziario poggiava e poggia sulla capacitÓ delle varie espressioni politiche di raccogliere e sostenere nelle istituzioni e tra i cittadini gli obiettivi della lotta dei detenuti.

Noi siamo soddisfatti di questo primo risultato, anche perchÚ non ci stancheremo mai di ripetere che in ogni campo le reali riforme positive sono sempre una sorta di "sottoprodotto" dei grandi movimenti sociali che aspirano ad un superamento delle ingiustizie sociali. Dobbiamo infine registrare una nota dolente. Durante tutta questa settimana non siamo riusciti a distinguere il silenzio dei mass media da quello di alcuni "garanti e garantisti" che a vario titolo dovrebbero occuparsi di carcere. Ciononostante, abbiamo verificato ancora una volta la sensibilitÓ di alcuni deputati e consiglieri regionali del centrodestra e del centrosinistra, ed in particolare dei Verdi e di Rifondazione Comunista. La loro coerenza e il loro lavoro parlamentare sarÓ indispensabile per preparare giÓ da oggi la battaglia politica che si aprirÓ nei primi mesi del 2004 intorno alle ipotesi di riforma del codice penale.

 

Associazione Papillon

 

 

Precedente Home Su Successiva