Lavorare vale la pena

 

Progetto lavorare vale la pena

 

Enti titolari del Progetto:

Consorzio SOL.CO - Varese

Consorzio CCS - Cardano al Campo

 

In collaborazione con:

ASL Direzione Dipendenze - Progetto POIS

Direzione Casa Circondariale Varese

Equipe Carcere Ser:T. Varese

 

Finanziato L. 45/99 Fondo Nazionale Lotta alla droga, è inserito nel piano triennale dell'ASL 1 VARESE

Ambito territoriale e tempi:

 

Il progetto ha un ambito provinciale, può pertanto prevedere attività, in tutti gli istituti di pena presenti sul territorio della provincia di Varese a partire da Settembre 2002 e per la durata di 18 mesi.

Un’azione che proponiamo all’interno della Casa Circondariale di Varese é: percorso di orientamento e accompagnamento al lavoro. Destinatari: soggetti detenuti tossicodipendenti e alcoldipendenti

 

Finalità del progetto:

fornire strumenti di conoscenza sul mondo del lavoro

rendere meno problematico il momento del reinserimento socio-lavorativo

 

Strategia:

Potenziamento delle conoscenze-capacità dei soggetti detenuti attraverso un percorso di orientamento individuale e in gruppo

Azioni di accompagnamento nella ricerca di un posto di lavoro.

 

Obiettivi (nei confronti delle persone destinatarie)
 

  1. migliorare la consapevolezza delle proprie competenze e potenzialità lavorative ovvero riconoscersi delle abilità nel saper fare con le cose, con le persone, con le informazioni

  2. maggiore conoscenza del mercato del lavoro soprattutto per quello che riguarda l'ambito provinciale

  3. maggiore conoscenza dei diritti e doveri del lavoratore (tipologie contrattuali, modalità di assunzione, ecc.)

  4. miglioramento delle competenze professionali in ambiti specifici (con appositi moduli formativi)

 

Operatori: il progetto prevede un’équipe integrata coordinata dal personale del Ser.T. di Varese in collaborazione con la responsabile dell’ufficio area trattamentale della Casa Circondariale di Varese e gli operatori dei consorzi e del progetto POIS (Progetto Orientamento Inserimento Sociale a titolarità ASL Varese – Dipartimento delle Dipendenze).

Svolgimento del progetto

 

Attività:

Incontro dell’équipe integrata con la Direzione per la presentazione del progette e definizione dei criteri per l’individuazione delle persone destinatarie dell’intervento.

Successivi incontri operativi con la responsabile area trattamentale.

Incontro con il personale del Carcere (Polizia Penitenziaria) e con altre realtà che operano all’interno dell’Istituto (Personale sanitario, volontariato) per spiegare gli obiettivi e le attività del progetto

Incontro con i Servizi e le Agenzie che sul territorio sono coinvolte nei percorsi di reinserimento sociale e lavorativo.

 

Corso di orientamento: individuale e in gruppo della durata di tre mesi a partire da metà settembre 2002 che prevede:

 

Incontro 1

Presentazione del progetto alle persone individuate con la responsabile area trattamentale

raccolta loro disponibilità a partecipare al percorso

raccolta loro conoscenze attuali su mercato del lavoro e contratti

Presentazione del percorso di orientamento individuale e raccolta adesioni

 

Incontro 2

Mercato del lavoro e logiche imprenditoriali

(Con la presenza di un rappresentante dell'Unione Industriali)

 

Incontro 3

Diritti e doveri del lavoratore ( tipologie contratti, forme di collocamento, collocamento mirato, iter per la ricerca di una nuova occupazione...)

Con la presenza di delegati sindacali.

 

Incontro 4

Incontro di valutazione

Test conoscitivo su aumento conoscenze

Test soddisfazione sul percorso finora svolto

 

Questi primi 4 incontri avranno una cadenza quindicinale e vedranno la presenza costante di almeno un operatore dell’équipe di progetto.

Inizieranno in parallelo percorsi di orientamento individuale (4/5 incontri di un’ora per ciascun detenuto coinvolto), finalizzati a favorire un bilancio di competenze (l’operatore aiuterà la persona nell’analisi delle proprie risorse/competenze utilizzando tra gli altri strumenti quali il racconto autobiografico e il curriculum vitae,…)

 

Incontro 5

Matching simulato tra proprie competenze e mercato del lavoro

Simulazione di un colloquio di lavoro (con la presenza di una selezionatrice aziendale)

 

Valutazione

 

L'aumento della consapevolezza rispetto alle proprie potenzialità lavorative verrà misurato sulla chiarezza con cui i soggetti che hanno terminato il percorso avranno saputo ricostruire la propria storia lavorativa e avranno saputo dire cose su di sè in modo chiaro.

L’aumento delle conoscenze sul mondo del lavoro e sulle tipologie di contratti verrà misurato attraverso test conoscitivi fatti compilare prima e dopo l’intervento.

E' previsto un incontro di valutazione finale con la Direzione del carcere per valutare l'efficacia dell'intervento

 

Cosa segue

 

Dopo questo percorso verrà offerto alle persone detenute che verranno individuate una presa in carico da parte dei servizi territoriali per il sostegno alla ricerca di un posto di lavoro (POIS, accompagnamento individuale da parte degli operatori che hanno già seguito il soggetto nel percorso di orientamento)

Sarà possibile inoltre ripetere il modulo di orientamento per altre persone.

Tra le attività del progetto sono inoltre previsti moduli formativi della durata di 30 ore ciascuno.

Un primo modulo formativo potrà riguardare l’informatica o attività di imbianchini o di legatoria e vedrà l’alternanza tra momenti d’aula con docenti e momenti di esercitazione al computer con la presenza di un operatore del progetto. Altre 5 o 6 ore supplementari saranno dedicate alla formazione di base di autoimprenditorailità.

E’ prevista una diaria per ogni partecipante per le 30 ore d’aula con i formatori. Verrà inoltre rilasciato un attestato di frequenza (relativo l’intero percorso – orientamento e formazione – o anche solo una fase di esso).

Proponiamo lo svolgimento di questo modulo a partire da gennaio 2003.

Il progetto prevede inoltre un’attività di coordinamento per analizzare potenzialità e risorse interne/esterne al carcere relative la possibilità di lavoro per i soggetti che hanno seguito il percorso di orientamento/formazione.

 

 

Home Su Successiva